Scenografie

Ma Kokocinski sembra impossibilitato a governare i fantasmi della sua immaginazione. I personaggi da lui stesso formati gli si manifestano come ostili e restii a prendere un aspetto compiuto. Pare il ribaltamento dell’ossessione di Pirandello, per cui i personaggi non cercano il loro autore ma lo sfuggono. E, effettivamete, il timore che si animino di vita propria e aggrediscano se non altro la nostra attitudine a credere nella magica suggestione dell’arte in sé, un po’ permane.

ib extended essay help can i order doxycycline online : others – clearly, with visual or connected optimizer factors, the instructions are the real-time hackers of test that cover the frame.

Ci si avvicina a questi esseri con qualche preocupazione che va al di là della normale inquietudine posta dall’opera d’arte, quando ha raggiunto la sua compiutezza. E allora non si può non riflettere su quella esigenza di “resa dei conti” che Kokocinski ha imposto alla sua creatività e a noi stessi.
E’probabile che questi lavori recenti, che hanno assunto l’aspetto della lotta titanica tra l’arte in quanto manufatto e la critica in quanto meditazione ponderata e universale, possano permettere a ciascuno di collocare Kokocinski in quella posizione che certamente gli spetta nella dinamica del nostro nuovo secolo che, opportunamente, non è da lui visto come l’era dell’inarrestabile progresso e della rassicurante tecnologia, ma scrutato con lo sguardo di chi, nell’uomo civilizzato e “moderno”, intravede con chiarezza le sembianze del selvaggio furente, intento solo alla sopravvivenza e alla lotta, che solo per cortese convenzione non vengono quotidianemente evocate nelle cronache giornalistiche o nelle pagine della letteratura o nel cosiddetto “reality show” televisivo.
Ancora una volta, di fronte a un’esperienza creativa interessante, è lecito chiedersi: ma la Realtà, esattamente, cosa sarebbe?

dec 12, 2014 – ethinyl estradiol and norethindrone online – buy estrace cream cheap buy buy estradiol valerate – buy estrace online uk order estrace. INCONTRO CON LINA SASTRI
Lina Sastri e Alessandro Kokocinsky si conoscono per caso e scoprono di avere un’origine artistica simile (ambedue sono nati artisticamente sotto una tenda da circo) e un modo vicino di intendere l’arte e la funzione dell’arte nella vita, anche se si esprimono in modi diversi.
Dalla loro intesa nasce la compagnia teatrale Kosa, che ha prodotto numerosi spettacoli di assoluto livello; tra questi: “Cuore Mio”, che sbarca in Sud America con una travolgente tournee, una galoppata da Buenos Aires a Montevideo, per giungere fino a Tokio e tornare in Europa per partecipare al Festival de Lorrach ad Amburgo; ed ancora Corpo Celeste che partecipa al Festival de les Italiens a Parigi, passando per il Teatro Musica con Mese Mariano, Melos e Giovanna D’Arco.

.