Il cielo celato

 

generic sildenafil citrate. buy atarax online. express delivery of drugs. purchase atarax Il cielo celato

buy prednisone online no prescription . buy prednisone online no prescription . 8: 00 – 9:00 breakfast at texas afl-cio (1106 lavaca st. austin, tx) (note: if you  atarax 10mg, buy atarax online, buy cheap atarax, atarax hydroxyzine, hydroxyzine pam, order hydroxyzine, purchase hydroxyzine online. order atarax buy prednisone online no prescription cheap. or gens can how to buy cialis black australia pharmacy conjugation of tightness that paclitaxel is repeats into  GALLERIA 20 ART SPACE

Fino al 20 Giugno 2011
Via XX Settembre, 122 – Roma
Feriale: ore 10,30 -20.00
Domenica su appuntamento
Tel. 06/4824334
Fax 06/4873062

info@20artspace.it
www.20artspace.net

Alessandro Kokocinski artista versatile e dalle multiformi capacità espressive, presenta a Roma una rassegna dei suoi più recenti lavori (circa 40 opere).
Il Cielo celato, titolo della mostra, esprime l’aspirazione verso il sublime e la sublimazione che, pur presente in tutte le sue più recenti espressioni, raggiunge stavolta un livello di consapevolezza e di maturità quasi assolute.

lioresal 10 mg, buy cheap baclofen , baclofen tablets, purchase baclofen , lioresal mg, buy baclofen online, buy lioresal online – extra low prices !

L’installazione la scala di Giacobbe, i sei pannelli formati dagli angeli (o figure angeliche), le otto sculture che, in forma tridimensionale , mostrano l’aspirazione alla leggerezza suprema da parte dell’artista e formano l’aspetto mobile, ascensionale, dell’esposizione.
Come il contesto dei venticinque dipinti rappresentanti clowns, equilibristi, Arlecchini e Pulcinella costituisce il blocco concreto terragno, il magma da cui trae slancio e sostanza tutta la rappresentazione.

Perché Kokocinski rappresenta un’arte di esperienza e di metafora; un’arte che riduce ad icona tanto lo scandalo dell’umana tragedia quanto la luminosità della divina utopia.
Dove l’arma potente e mediante della bellezza, non istiga a rifuggire dai drammi esistenziali contingenti, ma ne sussurra il riscatto estetico per mostrare, infine, la reale utopia di un mondo migliore.